Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Itinerari archeologici subacquei: tornano in mare anche le anfore del relitto della Madrague de Giens

Solo pochi giorni fa avevamo commentato la creazione di un nuovo itinerario subacqueo in Bretagna, con il riposizionamento sul fondale di un gruppo di ancore ottocentesche, e con l'occasione avevamo rievocato la creazione dei sentieri subacquei dei calanchi di Frioul, con le anfore del Grand Congloué nuovamente tra pesci e alghe. Leggiamo adesso che oltralpe la creazione di itinerari sottomarini procede sempre più spedita, e che anche un campione cospicuo delle anfore del relitto della Madrague de Giens, uno dei più importanti e noti carichi di vino tardo-repubblicano a noi pervenuti, è stato riposizionato sul fondale.
Si tratta, nella fattispecie, di 150 anfore vinarie Dr. 1B, recuperate negli anni Settanta in quello che fu uno scavo (durato undici campagne) estremamente importante per la comprensione del commercio marittimo antico e dell'architettura navale di età Romana. Il relitto della Madrague, rimasto per oltre venti secoli sul fondo del mare, al di sotto di fitte matte…

Ultimi post

Immagine

Francia, un nuovo percorso archeologico subacqueo (ricostruito) in Bretagna

Immagine

Bandi: l'ISCR lancia un concorso di idee per la realizzazione dell'immagine coordinata del progetto MUSAS

Immagine

Egadi, ritrovato a Levanzo il dodicesimo rostro della battaglia navale del 241 a.C.

Immagine

Un nuovo erede per l'Archéonaute: le Triton affiancherà l'André Malraux nelle ricerche marittime del DRASSM

Immagine

Baia, le spettacolari riprese da drone del Parco Sommerso e del Portus Julius

Immagine

Navigando sui muri. Un libro sui graffiti navali del Salento

Porto di Napoli, ecco le immagini della corvetta Flora

Immagine

Porto di Napoli, archeologi subacquei al lavoro sui relitti della flotta borbonica

Immagine

Già disponibili online e in open access gli Atti del convegno IKUWA V di Cartagena: ecco il link per il download

Immagine

Un milione di euro di multa e quattro anni di carcere: costa carissimo il saccheggio della Jeanne-Élisabeth a tre tombaroli francesi